Chi sono

 

Oggi capogruppo PD per la Commissione Esteri ed Affari Comunitari della Camera dei Deputati, la mia esperienza politica con il Partito Democratico  è nata nel 2007. Sono stata segretaria del circolo 02PD dalla sua fondazione, e alle primarie del 2009 sono stata eletta membro dell’Assemblea nazionale. Sono deputata dal 2013, e ho svolto il ruolo di segretario della Commissione Esteri e membro della Direzione nazionale del Partito democratico fino alla mia nomina a capogruppo il 22 Febbraio 2016.

L’interesse politica estera, e le tematiche connesse alla cooperazione e allo sviluppo, ha permeato sin dal principio il mio percorso accademico e lavorativo. Nata a Varese nel 1982, a diciassette mi sono trasferita in Galles dove ho concluso gli studi presso lo United World College of Atlantic. In questa straordinaria istituzione, di cui Nelson Mandela è stato presidente onorario, per due anni, ho condiviso una vita di studio e servizio con circa 250 ragazzi da 83 nazioni, provenienti da realtà familiari e sociali molto variegate. Nel 2005 ho conseguito un Master in Economia alla SOAS di Londra, e nel 2012 un PhD in Economia dello sviluppo presso l’Università di Pavia. Nel 2007 mi sono trasferita in Mozambico dove ho lavorato con il governo come economista. Ho in seguito lavorato presso l’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale di Milano (ISPI) dove sono ancora Research Associate, ed ho insegnato presso il corso di Politiche per lo sviluppo dell’Università di Pavia.

 

 

 

La politica

Lia-Quartapelle_16122012_ALTA_114Alle primarie del 2009 sono stata eletta membro dell’Assemblea nazionale del Partito democratico e nel 2012 alle primarie per i parlamentari sono risultata la più votata a Milano.

Oggi ho l’onore di essere un deputato della Repubblica Italiana. Faccio parte della Commissione Esteri (la III), di cui sono membro dell’Ufficio di presidenza. Mi occupo principalmente di diplomazia,  economia, Expo e proiezione internazionale di Milano, Africa e aiuti allo sviluppo.

La mia esperienza politica nasce con il Partito Democratico, un progetto in cui mi sono da subito riconosciuta. Nel 2006 sono stata tra i fondatori del primo circolo online “La sezione che verrà”, che a partire dall’esperienza dell’Ulivo e delle primarie, aveva come ambizione quello di preparare la strada per la costituzione di un grande partito della sinistra italiana, espressione delle migliori tradizioni della cultura riformista.

lia1Da quella esperienza è nato 02PD – “A Milano piace democratico”, oggi il circolo più grande di Milano, di cui sono stata segretario dal 2008 al 2012. La fondazione del circolo 02 (02 è il prefisso telefonico di Milano) è stata l’esperienza politica più entusiasmante e coinvolgente che potessi avere in dono dalla passione politica. Insieme a tanti militanti, ragazzi ma non solo, provenienti da varie esperienze e di età diverse ho condiviso la sfida di uno spazio unico nel suo genere, dove all’elaborazione dell’offerta politica abbiamo sempre associato l’azione dando testimonianza della nostra passione.

In un quartiere dove la destra storicamente aveva il predominio elettorale da circa 20 anni, con l’apertura di una vetrina sulla strada e grazie al lavoro di una comunità di volenterosi abbiamo ribaltato la situazione e contribuito a cambiare il governo di Milano.

Oggi il mio circolo è quello con più iscritti di Milano e offre consulenza gratuita su lavoro, tariffe dei servizi pubblici e supporto psicologico a chi si trova in difficoltà.

 

La ricerca 

ispiliaDal 2009 sono anche ricercatrice all’ISPI, l’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale di Milano, ente che svolge attività di consulenza per il Ministero degli Esteri e costituisce un ponte fra le realtà economiche e culturali italiane e i paesi esteri.

L’ISPI, dove ho ricoperto il ruolo di responsabile del programma Africa e dove sono ancora research associate, mi ha permesso di fare ricerca e di interagire con i principali centri studi nazionali e internazionali. Attualmente sono cultrice della materia presso la cattedra di Storia e istituzioni dell’Africa e ho insegnato presso il corso di Politiche per lo sviluppo dell’Università di Pavia.

 

Gli studi

Nel 2012 ho concluso il dottorato in Economia dello sviluppo presso l’Università di Pavia, con una tesi dal titolo “Three essays on African economies”, in via di pubblicazione.

maputoNel 2007, con mia grande soddisfazione, ho avuto l’opportunità di lavorare per un anno come economista presso la Cooperazione Italiana in Mozambico, affiancando il governo mozambicano nella definizione delle proprie politiche di sviluppo. L’anno trascorso a Maputo mi ha insegnato molte cose: a lavorare in un contesto istituzionale e multi-nazionale, a confrontarmi con complessi problemi di governo e con il tema della scarsità delle risorse pubbliche a fronte di bisogni immensi.

 

 

Soas entranceNel 2004 mi sono trasferita a Londra, dove ho frequentato un Master in Economia alla SOAS (School of Oriental and African Studies), conseguito nel 2005 a pieni voti e ho lavorato come coordinatrice delle attività della Ut Phoenix Foundation nell’ambito delle relazioni euro-mediterranee. Al termine dell’esperienza londinese, sono tornata in Italia dove ho collaborato con la Fondazione Civicum, che si occupa di finanza pubblica e di trasparenza degli enti locali, e con un progetto dello United Nations Staff System College e IPALMO sugli Obiettivi di sviluppo del Millennio nel Medio Oriente e Nord Africa.

Ho frequentato l’Università di Pavia (laurea triennale) e poi all’Università di Firenze (specialistica), laureandomi con lode in Economia dello sviluppo, con una tesi dal titolo “How does aid through budget support contribute to growth? A SAM-based analysis of the Mozambican case“. Durante l’università, ho deciso di specializzarmi in quella che sentivo essere la mia passione più grande: l’Africa. Ho trascorso un primo periodo di volontariato nel continente africano nel 2003 e parallelamente ho iniziato a collaborare con Nigrizia, la rivista dei Padri Comboniani, e con altre riviste internazionali, scrivendo di economia dello sviluppo. Allo studio ho affiancato altre esperienze: nel 2002, con un gruppo di amici, abbiamo fondato una onlus che promuove progetti educativi per i bambini di Betlemme, e per due anni ho prestato servizio ogni settimana in una casa rifugio per donne maltrattate e vittime della tratta.

 

Pubblicazioni

Scarica il mio CV in inglese