Questa è la lettera pubblicata su la Repubblica che promossa da Alessandro Fusacchia e firmata da me, Rossella Muroni e Riccardo Magi insieme ad altri deputati under-45 sulle criticità della manovra in termini di squilibrio tra generazioni. Più Europa ha già iniziato di recente a promuovere una proposta di legge di iniziativa popolare lanciata da Andrea Mazziotti per inserire in Costituzione i principi di equità generazionale e sviluppo sostenibile.

“Caro Direttore,

siamo trenta deputati della generazione di mezzo: quella con figli piccoli e genitori in pensione. Apparteniamo a più forze politiche di opposizione e le scriviamo tutti con uguale e fortissima preoccupazione. Guardiamo ai prossimi anni e vediamo questo Governo compromettere l’avvenire di tutti: dei nostri coetanei che a fatica stanno cercando di trovare una strada e una stabilità; dei bambini che dovranno crescere in una scuola su cui non stiamo investendo abbastanza; degli anziani che si ritrovano ai margini di città dove vivere diventa ogni giorno più difficile.

Ci preoccupa la bocciatura senza precedenti della manovra del Governo da parte della Commissione europea come pure di vari leader nazionalisti di altri governi europei presunti amici del vice-premier Matteo Salvini.

Ci preoccupa ciò che questa bocciatura conferma: la manovra è insostenibile. Non tanto o quantomeno non prioritariamente perché prevede un deficit al 2,4% ma perché produce spesa senza produrre crescita, scaricando tutto sul debito pubblico e ipotecando quindi ulteriormente il futuro dei più giovani, che dovranno ripagarlo ad un costo altissimo. Già oggi in Italia, al momento della nascita, ogni bambino si accolla un debito di 37mila euro; e ogni cittadino italiano spende mille euro ogni anno soltanto per ripagarne gli interessi.

L’Italia è da sempre un Paese che fatica a pensare al futuro. Ne è prova la struttura della nostra spesa pubblica: il 16,5% va in pensioni, il 4% in istruzione. Ma questa manovra, con la scelta di spendere quasi 7 miliardi per mandare in pensione prima alcune decine di migliaia di persone, invece che per dare borse di studio a centinaia di migliaia di studenti, aggrava questa situazione. Inoltre, creando un clima di incertezza che fa aumentare il costo dei prestiti e dei mutui, rende più difficile comprare una prima casa, o per gli imprenditori e le partite IVA gestire le esposizioni bancarie.

Caro direttore, la maggioranza grillo-leghista sta pensando solo alla prossima campagna elettorale e in alcun modo a tutelare gli interessi degli italiani. L’atteggiamento anti-patriota e anti-europeo di Luigi Di Maio e Matteo Salvini sta già costando caro a migliaia di famiglie: negli ultimi mesi sono andati persi oltre 80 miliardi di sacrifici degli italiani investiti in titoli di Stato.

Noi sappiamo che a rimetterci da questa conduzione del Governo saranno i più poveri e il ceto medio. Saranno i lavoratori dipendenti; i ventenni in cerca del primo o secondo lavoro o i cinquantenni che ne hanno appena perso uno, e che troveranno solo aziende non più disponibili ad assumere perché spaventate dall’incertezza; saranno le famiglie con bassi redditi, pochi risparmi e nessuna capacità di metterli al sicuro in Svizzera.

La bocciatura della manovra e la volontà del Governo di andare allo scontro, combinata con la febbre da spread e con la recente vendita di titoli di Stato non andata a buon fine – primo, chiarissimo segnale di sfiducia da parte degli italiani – rischiano di innescare adesso una dinamica fuori controllo.

Noi faremo tutto ciò che potremo – dentro e fuori il Parlamento – per testimoniare e opporci ad un Governo che sta facendo gli interessi di pochissimi e causando danni alla maggioranza degli italiani. E sosterremo l’introduzione nella nostra Costituzione del principio di equità inter-generazionale e di sostenibilità ambientale per far sì che ogni manovra, ogni legge, valuti l’impatto e tenga conto di chi verrà dopo di noi.“

Alessandro Fusacchia
Lia Quartapelle
Rossella Muroni
Riccardo Magi
Chiara Braga
Silvia Benedetti
Gabriele Toccafondi
Lucia Annibali
Francesca Bonomo
Michele Bordo
Daniela Cardinale
Francesco Critelli
Camillo D’Alessandro
Piero De Luca
Marco Di Maio
Gian Mario Fragomeli
Chiara Gribaudo
Francesca La Marca
Maria Anna Madis
Luigi Marattin
Carmelo Miceli
Mattia Mor
Alessia Morani
Sara Moretto
Nardi Martina
Luca Rizzo Nervo
Lisa Noja
Giuseppina Occhionero
Angela Schirò
Massimo Ungaro
Alessandro Zan
Diego Zardini

 

2018-11-29T15:36:13+00:00