Non pensiamo che le dimissioni di Matteo Renzi concludano l’analisi della sconfitta.
Le dimissioni di Renzi sono conseguenti al risultato elettorale. E sono coerenti con la sua storia e il suo coraggio, e con la sua idea di leadership. Una leadership che ha segnato un’evoluzione importante per la storia politica del Partito Democratico e dell’Italia.
Né possiamo pensare che la sconfitta cancelli i tanti risultati dei governi Renzi e Gentiloni di cui dobbiamo continuare ad essere orgogliosi. Dobbiamo immaginare altre strade, ma questi sono il punto di partenza da cui ripartire.

Qui trovate il documento approvato ieri in Direzione nazionale.

2018-04-24T14:28:22+00:00