Carissime, Carissimi,

insieme al 2017, volge al termine anche la legislatura. La settimana scorsa, il Parlamento ha finalmente approvato il biotestamento. Ora alla Camera stiamo votando l’ultima legge di bilancio, con alcuni buoni esiti anche per il mio lavoro per Milano. Via libera a due miei emendamenti per sostenere il bilancio del Comune di Milano. Approvato l’emendamento per stabilizzare i precari degli Istituti di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico e per aumentare le risorse per i lavoratori del Consiglio Nazionale delle Ricerche e degli altri enti pubblici di ricerca. Una buona notizia per più di 1500 ricercatori e personale di cura che lavorano in alcuni centri di eccellenza della nostra città, che potranno così finalmente uscire dal precariato e vedere garantita continuità alla loro attività. Siamo tornati a investire in modo stabile sulla ricerca perché crediamo che si debba investire nel futuro dell’Italia.
All’interno della discussione sulla legge di bilancio è stato accettato dal governo il mio ordine del giorno per istituire un fondo presso il Ministero dell’Istruzione destinato a attivare almeno una borsa di dottorato in memoria di Giulio Regeni in ogni ateneo italiano. È una iniziativa proposta dal Comitato per la valorizzazione del dottorato di ricerca e firmata da oltre 60 colleghi del Partito Democratico, Movimento 5 Stelle, Misto, MDP e Sinistra Italiana.

15 Dicembre 2017 – Presidio dei lavoratori precari del CNR di Milano

Sono molto soddisfatta anche dell’approvazione del mio emendamento per la realizzazione del Museo dei Diritti umani a Milano, nel complesso universitario dell’Università Statale, dove sarà installato anche il relitto del terribile naufragio del 18 aprile 2015. Sarà un museo rivolto ai più giovani, affinché conoscano la storia di una grande tragedia dei nostri tempi. In meno di vent’anni sono quasi trentamila le persone annegate nel Mediterraneo: un intero quartiere della nostra città. Come racconta bene questo articolo di Repubblica, l’Università di Milano ha fatto tanto per tutelare la loro dignità. Ora avremo un monumento per contrapporre questa dignità all’indifferenza e per rappresentare emblematicamente l’importante sforzo umanitario operato dall’Italia in questa legislatura. Promuovere diritti, sicurezza e opportunità anche dove oggi non ci sono, per combattere i flussi irregolari, i trafficanti di essere umani e le emergenze. Abbiamo deciso di seguire questa ricetta. E vogliamo continuare a farlo con crescente ambizione, come dimostra l’approvazione, infine, del mio emendamento per rafforzare l’impegno internazionale dell’Italia e della nostra Agenzia per la cooperazione allo sviluppo.

Di questi e tanti altri temi che hanno caratterizzato il mio lavoro parlamentare per Milano, potete leggere, se vi interessa e non lo avete ancora fatto, nel rendiconto della mia attività parlamentare che ho presentato la settimana scorsa con Beppe Sala e altri compagni di viaggio al Teatro Franco Parenti. A chi era presente, voglio invece mandare ancora un ringraziamento per avere trascorso con me una serata ricca di contenuti, ma anche di emozioni.

A tutti i miei più sinceri auguri di buone feste. Chiudiamo il 2017 con un’immagine scattata all’aeroporto di Chicago dall’italo-americano Nuccio Di Nuzzo per il Chicago Tribune, dopo l’odioso decreto di Trump che sospendeva il programma di ammissione dei rifugiati negli USA e il blocco di tutti i profughi siriani anche se già provvisti di visto. Penso che questa foto, ricca di significati, parli da sola e ci dica molto delle energie e della fiducia con cui vogliamo cominciare questo nuovo anno carico di sfide da affrontare ancora una volta insieme.

Buon 2018!

Lia

2018-01-03T01:10:36+00:00